Le foreste stanno scomparendo ma qualcosa si può fare!

by

Negli ultimi decenni siamo stati bombardati da notizie allarmanti che denunciavano la progressiva e incontrollata diminuzione delle foreste, eppure davvero pochi hanno proposto delle soluzioni efficaci per contrastare questo fenomeno. Noi abbiamo scoperto un modo che vi racconteremo fra poco, prima facciamo un passo indietro per capire quali siano le cause principali. I fattori alla base della deforestazione sono davvero molteplici e tra loro connessi: la povertà, la crescita demografica ed economica, l’urbanizzazione, lo sviluppo turistico e la necessità di disporre di suoli per l’agricoltura e l’allevamento.

La causa principale è però il disboscamento per prelevare il legname da utilizzare come combustibile e per l’arredamento. Di sicuro si può fare attenzione agli sprechi ma non si può certo eliminare del tutto il “bisogno” di legname. Se da un lato la soluzione può essere quella del riciclo dei materiali, dall’altro si può attuare un prelievo controllato del legname, seguendo e agevolando il ritmo naturale di produzione delle piante. Ecco quindi che per far questo interviene FSC, Forest Stewardship Council, un’organizzazione internazionale che si occupa di gestire le foreste in maniera adeguata evitando così il disboscamento incontrollato. FSC si occupa inoltre del controllo del prodotto prelevato, monitorando la filiera e contrastando così gli sprechi.

Da parte nostra per combattere il fenomeno della deforestazione abbiamo scelto di utilizzare un materiale di riciclo come il cartone che a sua volta ha ottenuto la certificazione FSC, una soluzione perfetta per coloro che vogliono diminuire il proprio impatto sulla terra.
Nel nostro piccolo ci piace pensare di contribuire ad uno sviluppo sostenibile del nostro pianeta e, augurandoci che il dato sia in aumento, un po’ ci conforta sapere che recentemente l’International Union for Conservation of Nature ha dichiarato che il 10% delle foreste mondiali risulta protetta grazie a questo meccanismo di gestione.

Lascia un commento