È boom di Tiny House anche in Italia, ma cosa sono?

by

Un’idea di casa ecologica nata negli Stati Uniti, legata a necessità economiche e sensibilità ambientale.

Chi l’ha detto che una bella casa deve per forza essere grande e spaziosa? Le Tiny House reinventano la concezione di spazio abitativo e la stravolgono, dimostrando che conta più la qualità della quantità. Un capovolgimento importante, se si pensa al fatto che solo vent’anni fa, il boom economico degli anni ‘80 e ’90 portava a pensare esattamente l’opposto, in favore di un consumismo sfrenato. Ora invece non è più così. L’economia è cambiata e costruire una propria casa e mantenerla non è più così semplice come lo era in passato. Un po’ per i costi di costruzione e di mantenimento, un po’ per il senso ecologico e la coscienza ambientale che stanno finalmente avendo sempre più presa, la gente cerca di contenere il più possibile la spesa, dovuta agli sprechi, al dispendio energetico e al non necessario. E allora la domanda da porsi è questa: perché costruire una casa enorme quando posso avere la stessa comodità, con costi ridotti e minor impatto ambientale, in case estremamente più piccole?

Quali sono infatti i vantaggi di una Tiny House?

Semplificazione

Dovendo garantire tutte le comodità in spazi ristretti, bisogna eliminare il superfluo. Ogni angolo ha la sua funzionalità e pensato appositamente per essa. Da piccolo hai mai avuto una casa sull’albero? Oppure un rifugio dove giocare? Si fantasticava e si immaginava come strutturarlo e arredarlo. Erano pochi metri quadrati, eppure, nella tua mente ci stava tutto. Perché? Perché a quell’età non eri ancora influenzato dal consumismo. La concezione delle Tiny-House non è poi tanto diversa, nella loro compattezza c’è tutto ciò che veramente serve e non c’è spazio per l’inessenziale.

Autosufficienza

Una caratteristica fondamentale delle Tiny House e che le rende estremamente ecocompatibili, è la loro autosufficienza. Grazie a sofisticati sistemi che sfruttano l’energia solare ed eolica, e sistemi di raccolta e depurazione dell’acqua, le Tiny House possono fornirti corrente, acqua e riscaldamento senza essere per forza obbligato a collegarle alla rete locale di distribuzione. Questa loro caratteristica va di pari passo alla possibilità di spostare la propria casa ovunque si voglia, come fosse un semplice rimorchio o una roulotte. Ma c’è un’ultimo vantaggio, quello che probabilmente ha favorito più di tutti questa loro diffusione:

Economicità

Non dovendo dipendere da nient’altro che da sé stesse, le Tiny House possono definirsi come le case più economiche al mondo. E’ infatti possibile costruirsi la propria Tiny House con meno di 30.000€, come hanno fatto Andrew e Gabriella Morrison, senza doversi più preoccupare di mutuo e bollette. 30 mila euro. Con meno soldi di quelli che si userebbero per comprare un SUV, è possibile avere una casa propria e vivere in completa autonomia.

andrew gabriella tiny house

Non sei ancora convinto della bellezza di queste Tiny House?

Eccoti allora alcuni esempi. Ce ne sono di tutti i tipi, dalle più semplici per chi ha poche pretese, alle più sofisticate, nelle quali il design fa da padrone.

The fresh start house

The Fresh Start House

di Martyn House To Go

E’ un casa mobile, realizzata per essere spostata su un rimorchio standard. La casa ha una cucina, bagno, soppalco e finestre. Venne originariamente progettata da Julie Martin, come sua residenza a New Orleans dopo l’uragano Katrina

Diogene di Renzo Piano

Diogene

By Renzo Piano

Questo piccolo progetto, con il tetto in legno e una superficie di 2,4 x 2,4 metri per 2,3 metri di altezza, è stata progettata per adattarsi a diverse condizioni climatiche, grazie ad un sistema autosufficiente per acqua ed energia.

Micro compact Home

Micro compact Home

By Richard Horden

La micro compact home, di circa 3 metri quadrati, è pensata per una o due persone. Si adatta perfettamente all’ambiente e presenta tutti gli spazi necessari alla vita quotidiana, dalla zona notte, cucina e bagno.

E tu, riusciresti a vivere in una Tiny-House? Ammettilo, non ti aspettavi potessero essere così comode, vero? E’ sicuramente necessaria una buona dose di volontà e spirito ecologico per decidere a cambiare il proprio stile di vita così radicalmente, ma se c’è chi riesce a vivere in un cassonetto come un moderno Diogene di Sinope, tutto è possibile.

Lascia un commento